Che cos'è #CREDERENONCREDERE

IL PROGETTO

Crederenoncredere Multimedia Contest Spot
L’Ufficio per la Pastorale Giovanile e L’Ufficio Scuola della Diocesi di Chiavari, in collaborazione con il Villaggio del Ragazzo, l’Associazione don Nando Negri Onlus, la Fondazione Stella dell’Evangelizzazione, e con il patrocinio dei Comuni di Chiavari, Lavagna, Rapallo, Cicagna, Santa Margherita Ligure Sestri Levante, presenta il progetto #CREDERENONCREDERE, concorso multimediale e rassegna di eventi rivolta ai giovani del territorio della Diocesi di Chiavari e del Tigullio.

Il progetto rappresenta per i promotori una scommessa sulla speranza, un invito a scoprire, anche attraverso la creatività espressa dai giovani, le coordinate di un impegno che già oggi costruisce un domani positivo di fronte all’incertezza del presente e alla paura del futuro che spesso caratterizzano la nostra epoca.

Il concorso
Il concorso è aperto a tutti i ragazzi di età compresa tra i 14 e i 19 anni, siano essi studenti delle Scuole Secondarie di Secondo Grado del Tigullio o giovani delle associazioni, dei movimenti, delle parrocchie e vicariati presenti nel territorio compreso tra Santa Margherita Ligure-Portofino e Moneglia, vallate comprese.

La rassegna di eventi

Una rassegna di eventi accompagna il concorso e comprende uno spettacolo teatrale e una serie di incontri con autorevoli esponenti del mondo della cultura, dello spettacolo e dello sport chiamati a confrontarsi con gli studenti delle scuole sui valori che li hanno sostenuti nel loro percorso.

In che cosa crediamo?
Per quali valori vale la pena di spendere la propria vita?

#CREDERENONCREDERE
è il contest giusto per raccontarlo

Regolamento e Iscrizione Edizione 2015/16

IL CONCORSO

Il concorso #CREDERENONCREDERE è consistito nella realizzazione di un prodotto video o fotografico originale, inedito e inerente al tema #crederenoncredere –  ovvero la ricerca dei valori su cui un giovane ritiene valga la pena di spendere la propria vita.
L’elaborato doveva rientrare in una delle seguenti sezioni di partecipazione:

CORTOMETRAGGIO
durata massima 5 minuti

DOCUMENTARIO
durata massima 8 minuti

FOTOGRAFIA
portfolio fotografico di almeno 4 fotografie

VIDEOCLIP MUSICALE
durata massima 5 minuti


Il concorso è stato aperto a tutti i ragazzi di età compresa tra i 14 e i 19 anni, studenti delle Scuole Secondarie di Secondo Grado e del terzo anno delle scuole Secondarie di Primo grado del Tigullio, giovani delle associazioni, dei movimenti, delle parrocchie e vicariati presenti sul territorio del Tigullio compreso tra Santa Margherita Ligure-Portofino e Moneglia, vallate comprese.

Levate l’ancora, abbandonate i porti sicuri,
catturate il vento nelle vostre vele,
esplorate, sognate, scoprite.

Mark Twain

Laboratorio #CREDERENONCREDERE

VIDEOMAKING

Laboratorio #Crederenoncredere Spot

Il cortometraggio realizzato al Centro Studi La Contrada di Casarza Ligure
con i ragazzi vincitori dell’edizione 2015 del multimedia contest giovanile #CREDERENONCREDERE
in occasione della giornata premio di laboratorio video e comunicazione multimediale.
Hanno partecipato: Alessandro Bavestrello, Rita Giacalone, Viola Lanzi, Teresa Mei, Nicolò Rolandelli e Amalia Stagnaro
Riprese video: Fabrizio Piccitto
Regia e montaggio: Roberto Frugone e Fabrizio Piccitto
Segui le novità

BLOG

Al via il progetto #crederenoncredere

L’Ufficio per la Pastorale giovanile e l’Ufficio Scuola della Diocesi di Chiavari hanno promosso, seguendo una proposta del Consiglio Pastorale Diocesano, un percorso con l’intento di offrire ai giovani la possibilità di un confronto intorno al verbo credere. “In che cosa crediamo? Cosa ci guida nelle scelte di tutti i giorni?”: sono queste alcune delle […]

Ogni cosa è illuminata. Ogni cosa è nel suo raggio in divenire.
Vedo stelle che cadono nella notte dei desideri.

Lorenzo Cherubini Jovanotti

Informazioni & Recapiti

Contatti

Richiedi informazioni 

*Trattamento dei dati personali secondo le condizioni espresse nella pagina Informativa Privacy e Cookie Policy nel rispetto della Legge sulla Privacy D.lgs. n.196/2003